Vincenzo F.Written by: Economia Fintech Tecnologia

Inps e Nexi: comincia la partnership tutta italiana

Ormai siamo tutti a conoscenza dei limiti tecnologici dell’INPS, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. Tra presunti attacchi hacker, cattiva gestione degli accessi sul sito ufficiale, e pagamenti che risultano in corso ma non arrivano, l’ente ha preso un’ottima decisione al riguardo.

Per fronteggiare tutti i problemi tecnologici, l’INPS ha stretto una partnership con la nostra maggiore azienda fintech, ovvero Nexi.

Leader nei pagamenti digitali, Nexi offre servizi e infrastrutture di digital payments per banche,aziende e istituzioni. Nasce così l’accordo con INPS, l’azienda milanese si occuperà di fornire all’ente una nuova soluzione che permetta di accelerare la gestione digitale e i processi di accredito ai cittadini italiani.

Se ti interessano altre informazioni su Nexi, leggi anche: “Partnership Intesa San Paolo e Nexi: trattative in corso”.

Inps e Nexi: l’accordo fintech

Dopo le partnership siglate con oltre 150 istituti bancari, Nexi mette a disposizione il suo “portfolio” per facilitare gli accrediti di bonus e agevolazioni ai cittadini italiani.

Citiamo ad esempio Intesa San Paolo, Unicredit, Ubi, Poste Italiane che grazie a Nexi (e il suo accordo con l’INPS) riusciranno a facilitare anch’essi i processi di accredito e rendere il tutto relativamente facile.

Un assist quello di Nexi all’ INPS, che effettivamente non poteva trovare un partner commerciale migliore. Il colosso italiano del PayTech continua quindi a crescere, sono sempre più le aziende italiane disposte a collaborare con Nexi.

Per quanto riguarda l’INPS, l’azienda milanese si occuperà anche di agevolare la gestione delle richieste dei cittadini, oltre che del pagamento delle prestazioni.

L’obiettivo principale dell’Ente Previdenziale è consentire le verifiche in remoto dei propri dati (senza complicazioni), delle domande presentate, e dei pagamenti.

Il tutto senza ovviamente uscire da casa e dover andare obbligatoriamente in uno degli sportelli INPS presenti sul territorio.

Quindi, questa potrebbe essere la volta buona per una “digitalizzazione definitiva” dell’INPS.

L’andamento di Nexi

Intanto anche la Borsa di Milano reagisce positivamente all’annuncio sulla partnership, tanto che le azioni Nexi stanno volando sull’FTSE MIB. L’azienda italiana dopo aver accusato il colpo del crollo dei mercati ad inizio Marzo, ha portato subito a termine delle strabilianti sedute.

Il rialzo è stato immediato, al momento della scrittura di questo articolo il titolo Nexi sta guadagnando il 2,89% e il suo valore si attesta sui 14,03€ per azione. Ricordiamo che i massimi storici sono stati raggiunti il 19 Febbraio , quando il titolo viaggiava sui 16,39€ per azione.

La ripresa però è cominciata (il titolo qualche settimana fa è sceso intorno agli 8€ per azione), prevediamo che nei prossimi mesi potrebbe raggiungere nuovamente i massimi storici, e addirittura superarli.

(Visited 254 times, 1 visits today)

Copyright © 2019/2020 BorsaMagazine.it - All Rights Reserved
Copyright Photo © 2019/2020 Pexels.com, Unsplash.com, BorsaMagazine.it

Tags: , , , , , , , ,

Last modified: 27/04/2020