Vincenzo F.Written by: Economia Tecnologia

Technoprobe: da PMI a gigante settore Microelettronica

L’azienda italiana di Cernusco Lombardone (LC), Technoprobe, è sempre piu leader del settore della microelettronica. Una decina d’anni fa era solamente una “anonima” PMI, ora è invece uno dei più grandi produttori di schede di test destinate a grandi colossi del settore tech.

Tra i clienti di Technoprobe ci sono infatti tutti i “mostri” del settore, tra cui: Apple, Intel, Samsung, Qualcomm, Huawei, STMicroelectronics e molti altri (Leggi anche: “Bill Gates: addio a Microsoft e Berkshire Hathaway”).

L’azienda della provincia di Lecco si occupa di produrre schede grandi più o meno quanto un foglio A4, che vengono utilizzati dai colossi del settore per verificare lo stato dei chip. Quest’ultimi andranno poi inseriti negli smartphone, tablet, pc e tutti i gadget elettronici.

Il costo di ogni singola scheda è di circa 500.000 euro.

Technoprobe: storia e bilancio

L’azienda lombarda, Technoprobe, ha letteralmente scalato la classifica dei maggiori produttori mondiali del settore. Attualmente è riuscita a scavalcare anche la famosissima azienda giapponese Micronics, ed attestarsi al secondo posto dei maggiori produttori di schede di test per chip al mondo.

Attualmente i ricavi dell’azienda superano i 200 milioni di euro, praticamente 20 volte circa il fatturato che registrava solamente 10 anni fa. L’azienda è stata fondata da Giuseppe Crippa nel 1995, ex-dipendente di STMicroelectronics che due anni prima decide di mettersi in proprio.

Dal garage di casa a piccola azienda il passo è stato breve, in soli due anni la produzione “artigianale” di Crippa si trasforma in produzione “industriale”. Nasce così Technoprobe, la produzione di schede aumenta (grazie ai macchinari) e inizia la scalata al successo.

Alla conquista della Silicon Valley

Oggi, Technoprobe è un’azienda affermata che conta ben 500 brevetti e 440 dipendenti. Ma non finisce qui. Nel triennio 2016-2018 l’azienda di Lecco ha investito ben 60 milioni di euro in Italia, a cui si aggiungeranno altri 100 milioni di euro nel biennio 2019-2020.

L’azienda ha intenzione di allargarsi anche sul fronte della forza-lavoro, attualmente Technoprobe è alla ricerca di una trentina di nuovi dipendenti.

Insomma, si tratta di un vero e proprio simbolo del Made in Italy, di recente partito anche alla conquista della Silicon Valley. Recentemente infatti, è stata portata a termine l’acquisizione di Microfabrica Inc., società californiana con circa 70 dipendenti e 10 milioni di dollari annui di fatturato.

L’operazione è stata conclusa per una cifra pari a 40 milioni di dollari. A quanto pare l’azienda lombarda leader mondiale della microelettronica è fortemente intenzionata ad acquisire una fetta di mercato ancor più grande.

Probabilmente, tra non molto, ritroveremo Technoprobe sul tetto del mondo per la produzione di testing per semiconduttori.

(Visited 594 times, 1 visits today)

Copyright © 2019/2020 BorsaMagazine.it - All Rights Reserved
Copyright Photo © 2019/2020 Pexels.com, Unsplash.com, BorsaMagazine.it

Tags: , , , , , , , , , ,

Last modified: 30/04/2020