Vincenzo FranconieroWritten by: Azioni Informazioni strategiche Investimenti Quotazioni

Esselunga: Unicredit acquista 32,5% degli immobili

In un momento come questo, tra epidemia e crisi economica, la nota catena italiana Esselunga annuncia un’operazione di ri-asset azionario.

Ebbene, Marina Caprotti (figlia del compianto patron Bernardo) e sua madre Giuliana possiedono ora il 100% di Supermarkets Italiani, società a cui fa capo Esselunga.

Nell’operazione di riasset entra in gioco anche Unicredit che acquista quote di La Villata Spa, società riconducibile sempre a Marina Caprotti e alla madre. L’operazione servirà a dare liquidità alla famiglia Caprotti. Che a sua volta procederà con l’acquisto delle restanti quote in Supermarkets Italiani.

Inoltre, arriva anche un finanziamento in pool pari a 1,31 milioni di euro da parte di Intesa San Paolo, Unicredit e BNP Paribas.

Esselunga: situazione attuale, quote, e società controllate

In pratica, per arrivare a possedere il 100% delle quote di Supermarkets Italiani, la famiglia Caprotti dovrà acquistare quote pari a 535 milioni di euro.

In parte, ovvero per circa 100 milioni di euro, sarà utilizzato il patrimonio familiare. Mentre i restanti 435 milioni di euro saranno finanziati grazie ai ricavi derivanti dalla cessione del 32% di “La Villata Spa”.

Quest’ultima è la società immobiliare di proprietà di Esselunga, che controlla gran parte degli immobili utilizzati come punti-vendita dalla catena Esselunga. Unicredit quindi acquista il 32,5% delle proprietà immobiliari di Esselunga, mentre oltre il 65% resterà in mano alla famiglia Caprotti.

Quote di minoranza spetteranno anche a Intesa San Paolo e BNP Paribas che hanno contribuito tramite un finanziamento in pool, anche se le cifre erogate non sembrano poi così rilevanti.

La riunione straordinaria

Dal cda straordinario convocato sabato scorso, è emerso che Esselunga si fonderà con le sue controllanti e si farà carico degli obblighi previsti dai finanziamenti (riguardo l’operazione di fusione).

L’intero gruppo Esselunga viene valutato ben 6,1 miliardi di euro, mentre si attesta al 30% la quota che Marina e sua madre dovranno acquisire per poter prendere il pieno controllo (100%) della nota catena italiana di supermercati.

Si tratta di un totale di 1,83 miliardi di euro, quote attualmente detenute da Giuseppe e Violetta Caprotti.

L’uscita dei due membri della famiglia porterà ad un riasset dell’intero gruppo che a breve sarà controllato esclusivamente da Marina e dalla moglie di Bernardo Caprotti (passato a miglior vita nel 2016).

Infine, Esselunga si impegna a rimborsare la linea bridge (dopo la fusione) e i 300 milioni di euro derivanti dall’indebitamento finanziario del gruppo (si parla più che altro di alcune controllate di Supermarkets Italia).

Se ti interessano altri articoli su Esselunga, leggi anche: “Emergenza supermercati: Esselunga non ci lascia soli”.

(Visited 68 times, 1 visits today)

Copyright © 2019/2020 BorsaMagazine.it - All Rights Reserved
Copyright Photo © 2019/2020 Pexels.com, Unsplash.com, BorsaMagazine.it

Tags: , , , , , , ,

Last modified: 29/03/2020